Chirurgia per Instabilità della spalla

Chirurgia per Instabilità della spalla

L’intervento per instabilità della spalla può essere eseguito in artroscopia e a cielo aperto e in entrambi i casi il post operatorio prevede l’utilizzo di un tutore.

In casi di instabilità cronica della spalla o lussazione recidivante va scelto il trattamento chirurgico più adeguato. Dopo un’attenta analisi da parte del chirurgo, che dovrà accertare da quanto tempo persiste il dolore, in che intensità e l’eventuale sport o lavoro alla base dell’instabilità, sarà lui stesso a scegliere l’intervento che meglio risolve la lesione, che potrà essere eseguito sia in procedura a cielo aperto che artroscopica.

Il post operatorio è decisamente doloroso ma verrà mantenuto sotto controllo con i farmaci antidolorifici e l’applicazione di ghiaccio. In seguito all’intervento in artroscopia, il paziente dovrà portare un tutore per 20 giorni. Alla rimozione di questo tutore si potrà iniziare il percorso riabilitativo.

Contenuti correlati:

Instabilità della spalla
< Torna Indietro

Richiedi un consulto con i nostri esperti nella rieducazione funzionale e nel recupero motorio.

TOP