Riabilitazione per Piede piatto e piede cavo

Riabilitazione per Piede piatto e piede cavo

Il trattamento riabilitativo del piede piatto e del piede cavo ha degli obiettivi diversi a seconda dell’età del paziente e della gravità del quadro clinico.

Nel bambino in genere il piede piatto o il piede cavo  è asintomatico e si manifesta esclusivamente con un’alterazione della camminata e della corsa.  In questo caso l’obiettivo è quello di contrastare la tendenza alla strutturazione del difetto di appoggio cercando di modificarlo e correggerlo fintanto che il piede è in fase di crescita. Per ottenere questo si ricorre a specifici trattamenti manuali e ad esercizi di tonificazione della muscolatura cavizzante del piede (nel piede piatto)  o al contrario nell’allungamento di tale muscolatura con esercizi di stretching (nel piede cavo). Al trattamento fisioterapico in senso stretto va sempre abbinato un trattamento ortesico con plantari personalizzati,  costruiti previo esame baropodometrico, che sostengano la volta del piede e correggano il valgismo o il varismo  del calcagno. Spesso il plantare necessita di calzatura ortopedica o quanto meno adattata.

Nell’adulto al contrario il piede piatto o cavo è spesso sintomatico e non correggibile con un approccio conservativo. In questo caso il trattamento riabilitativo è rivolto soprattutto al controllo della sintomatologia dolorosa mediante l’impiego di terapie fisiche (tecar, laser, diamagnetoteraoia, ultrasuoni etc.) e all’uso di plantare ortopedico, sempre realizzato su misura e dopo esame baropodometrico, che migliorando l’appoggio riduce la sintomatologia e migliora la qualità della deambulazione. 

Contenuti correlati:

Piede piatto e piede cavo
< Torna Indietro

Richiedi un consulto con i nostri esperti nella rieducazione funzionale e nel recupero motorio.

TOP