Riabilitazione per Tendinopatia rotulea

Riabilitazione per Tendinopatia rotulea

Il trattamento riabilitativo della tendinopatia rotulea è complesso e variabile in funzione  del tempo di insorgenza della patologia, della gravità e dal tipo di paziente.
Il trattamento riabilitativo prevede all'inizio una riduzione delle sollecitazioni meccaniche, eliminando le attività che possono scatenare il dolore.
Il controllo del dolore e dell'infiammazione si ottiene con terapie fisiche strumentali come laser, onde d'urto, diamagnetoterapia ed ultrasuoni.

Utile inoltre la massoterapia decontratturante del quadricipite e il massaggio traverso profondo del tendine rotuleo.

Fondamentale in questa fase  è l'esecuzione di esercizi di stretching della catena anteriore e della catena posteriore per allentare le tensioni sul tendine rotuleo. Nel contempo si può iniziare con acuti esercizi di rinforzo in acqua.

Superata la fase acuta si può iniziare il lavoro di rinforzo muscolare ed il lavoro dell’elasticità del quadricipite.

In assenza di dolore si passa al recupero del gesto specifico con l’accortezza di evitare sempre i sovraccarichi per prevenire le recidive.

Contenuti correlati:

Tendinopatia rotulea
< Torna Indietro

Richiedi un consulto con i nostri esperti nella rieducazione funzionale e nel recupero motorio.

TOP