Riabilitazione per Lesione cartilaginea

Riabilitazione per Lesione cartilaginea

L’indicazione al trattamento riabilitativo è limitata alle lesioni meno gravi. Si utilizzeranno terapie fisiche in grado di stimolare la rigenerazione del tessuto cartilagineo (laser ad alta intensità, onde d'urto, pompa diamagnetica). Quindi si passerà al rinforzo dei muscoli della coscia, dell’anca e della gamba al fine di distribuire meglio eventuali carichi sull'articolazione.

A seguito dell'intervento chirurgico la riabilitazione gioca un ruolo fondamentale. È un percorso molto lungo, per il primo mese non è possibile caricare, il ritorno all'attività sportiva è previsto, di media, non prima di 10 mesi dall'intervento.
Per alleviare il dolore e l'infiammazione si fa ricorso alle terapie fisiche strumentali, come per esempio il laser.
Nella prima fase si eseguono esercizi di mobilizzazione attiva, preferibilmente in acqua.
Il passo successivo prevede il lavoro di rinforzo muscolare del quadricipite in palestra ed eventualmente anche in acqua. In questa fase è possibile andare in bicicletta, evitando sforzi particolari, terreni troppo rigidi o salite impegnative.

Nei  primi due mesi si dovranno prediligere esercizi in catena cinetica chiusa (cyclette, step, pressa etc). Successivamente si potrà passare al lavoro in catena cinetica aperta aumentando quindi il ventaglio di esercizi possibili.

< Torna Indietro

Richiedi un consulto con i nostri esperti nella rieducazione funzionale e nel recupero motorio.

TOP