Riabilitazione per Frattura della rotula

Riabilitazione per Frattura della rotula

La prima fase del trattamento si incentra sul controllo del gonfiore attraverso le terapie fisiche e il massaggio drenante.
Il recupero dell’articolarità inizia da subito, facendo particolare attenzione alle limitazioni imposte da eventuali mezzi di sintesi o dal dolore.

Il lavoro prevede movimenti di flessione molto ridotti e trova particolare indicazione in piscina,  al fine di ridurre il carico.

Trascorso circa un mese, se la consolidazione della frattura lo consente, è possibile iniziare il lavoro per recuperare il trofismo muscolare. I muscoli interessati dal lavoro sono il quadricipite, i flessori, i muscoli dell'anca,  del bacino e del core, dapprima in  modalità isometrica e successivamente isotonica in catena cinetica chiusa. Gli esercizi in catena cinetica aperta dovranno evitare  gli angoli che possono scatenare dolore.

Dopo circa 2 mesi è possibile iniziare esercizi propriocettivi e di equilibrio.

Conclude il percorso riabilitativo il  recupero del gesto sportivo vero e proprio.

Contenuti correlati:

Frattura della rotula
< Torna Indietro

Richiedi un consulto con i nostri esperti nella rieducazione funzionale e nel recupero motorio.

TOP