Chirurgia per Rottura dei legamenti collaterali (LCM)

Chirurgia per Rottura dei legamenti collaterali (LCM)

Spesso le lesioni dei legamenti collaterali del ginocchio sono associate ad altre lesioni dell'articolazione; rara e la lesione isolata del collaterale che necessita di un trattamento di tipo chirurgico. Di solito un periodo di immobilizzazione seguito da rieducazione fisioterapica mirata permette la ripresa dell'attività sportiva completa. In caso di insuccesso riabilitativo e conseguente persistenza della sintomatologia dolorosa, vi può essere indicazione ad intervenire chirurgicamente. La sutura dei legamenti collaterali consiste nella riparazione  con fili riassorbibili o non riassorbibili e al tensionamento del legamento con cambra.

Nell'immediato postoperatorio il ginocchio va tenuto immobilizzato con una ginocchiera che consente una flessione di massimo 20 gradi, per un periodo di circa 3 settimane. Dopo due settimane dall'intervento, a seguito della rimozione dei punti di sutura, inizia la riabilitazione. Il trattamento riabilitativo, sarà svolto inizialmente solo in palestra riabilitativa. Una volta rimosso il tutore si inizierà con un carico parziale progressivo tramite l'attività in piscina. Dopo circa 4 mesi dall'intervento si potrà riprendere l'attività sportiva. 

< Torna Indietro

Richiedi un consulto con i nostri esperti nella rieducazione funzionale e nel recupero motorio.

TOP