Fisioterapia per la frattura dell’omero: la risposta di Centro Rehabilita

Fisioterapia per la frattura dell’omero: la risposta di Centro Rehabilita

Esistono diversi tipi di fisioterapia per la frattura dell’omero: tutto dipende dal meccanismo di lesione e dal tipo di frattura.
La fisioterapia è un passo fondamentale per arrivare al pieno recupero dell’articolarità della spalla.
Nel caso di frattura composta l’immobilizzazione può avvenire tramite gesso o tramite un apposito tutore, a seconda della posizione esatta della frattura. Più la frattura sarà vicino alle due estremità dell’osso più sarà difficile applicare il gesso e si preferirà quindi un tutore.
E’ possibile cominciare la riabilitazione appena rimosso il gesso che solitamente immobilizza il braccio per 6-8 settimane. Nel caso di immobilizzazione con tutore si riduce il tempo di recupero e dopo un periodo di immobilizzazione di circa 4-5 settimane si può iniziare il trattamento fisioterapico.

Per entrambe le situazioni gli ortopedici di Centro Rehabilita consigliano di recuperare partendo da esercizi pendolari e leggere mobilizzazioni, via via più intense nel corso del tempo. Dalla terza settimana di fisioterapia, infatti, sono previsti movimenti in elevazione sul piano scapolare e particolare attenzione per i movimenti rotatori.
In ogni caso, dopo un mese si procede una radiografia per verificare che l’ossificazione proceda regolarmente. A questo punto si può iniziare il programma riabilitativo per il rinforzo della cuffia dei rotatori, stabilizzatori della scapola e propriocezione, intervenendo con esercizi pendolari, di riattivazione degli stabilizzatori della scapola, massaggio del cingolo scapolare, del trapezio superiore e dell’elevatore della scapola.

Gli step successivi si concentrano sulla mobilizzazione della spalla e sono modellati sulle reali necessità del paziente: nel caso di fisioterapia per la frattura dell’omero per gli sportivi, i trattamenti sono finalizzati sia al rafforzamento muscolare sia alla coordinazione e alla gestualità in campo.
Di solito per completare il percorso riabilitativo occorrono dai 3 ai 4 mesi: dopo questo periodo si può osservare il completo recupero di tutte le funzionalità della parte interessata e tornare alle regolari attività fisiche, quindi anche all’agonismo.

Fisioterapia per la frattura dell’omero: il parere dei nutrizionisti

La fisioterapia per la frattura dell’omero passa anche dalla tavola.
I nutrizionisti di Centro Rehabilita consigliano, in caso di fratture delle ossa lunghe degli arti, l’utilizzo di miscele di aminoacidi essenziali che, combinate con la giusta dose di creatina monoidrato, può migliorare il recupero muscolare dell’arto infortunato.
L’abbinamento al percorso riabilitativo di un regime dietetico appropriato, quindi, è di fondamentale importanza sia per il giusto mantenimento del peso sia per la nuova sintesi di tessuto osseo e muscolare lesionati dal trauma in tempi ridotti.

Rivolgiti al Centro Rehabilita per richiedere maggiori informazioni o prenotare il tuo percorso di fisioterapia per la frattura dell’omero. Chiama lo 030 6151263 oppure compila l’apposita form.

TOP